LE ABILITA’ COGNITIVE APPLICATE AL CALCIO MODERNO

 

Il calcio è per definizione uno sport situazionale cioè uno sport nel quale l’esito dell’azione, quindi il risultato, non dipende esclusivamente dal gesto tecnico e dalla prestazione fisica, ma dalla capacità di trovare le giuste risposte di adattamento a stimoli diversi. Ciò significa che ogni partita e ogni allenamento presentano potenzialmente situazioni sempre diverse da affrontare e a cui adattarsi per raggiungere il risultato desiderato. Durante gli allenamenti l’allenatore può far riferimento alla propria esperienza e cercare di codificare le principali situazioni che durante una partita possono presentarsi, ma ciò non può preparare in ogni caso un atleta rispetto a tutto ciò che può incontrare. Continue reading

TATTICA INDIVIDUALE: FINTA E/O DRIBBLING

 

Come abbiamo già visto in alcuni degli approfondimenti delle precedenti settimane, la tattica individuale (chiamata anche tecnica applicata) è una categoria di gesti tecnici utilizzati nel calcio in relazione allo sviluppo del gioco. Essa è la “tecnica in situazione”, e tiene quindi conto del comportamento dei propri compagni e degli avversari durante il gioco. La tattica individuale deve ovviamente essere applicata nella forma più redditizia possibile per lo sviluppo dell’azione e si basa sempre e comunque su due fattori determinanti: Tempo e Spazio.

Di questa categoria fanno parte anche la finta ed il dribbling, due gesti che spesso vengono erroneamente equiparati ma che hanno definizioni e scopi differenti.

 

DRIBBLING

Possiamo definire il dribbling come quella abilità tattica individuale che si esegue con la palla e prevede il superamento, con la palla, dell’avversario. In altre parole la vittoria del duello dell’uno contro uno, l’arma a disposizione dell’attaccante per liberarsi dalla marcatura dell’avversario e cercare la via della rete. La finalità è quella di superare l’avversario, creare superiorità numerica, scardinare le difese avversarie e superare le difese ad uomo. Nonostante possa essere un’abilità attuabile da tutti, il dribbling è generalmente considerato privilegio dei giocatori di bassa statura che, avendo il baricentro del corpo relativamente basso, sono agevolati nei movimenti rapidi e nell’equilibrio del corpo in occasione di repentini spostamenti.

Il Dribbling è quindi un’azione Psico – Fisico – Tecnica del calciatore, compiuta col preciso obbiettivo di superare uno o più avversari mantenendo il possesso palla.

I fattori che determinano la predisposizione del calciatore a questo tipo di azione sono molteplici: tecnici, coordinativi, condizionali e non ultima, la personalità dell’individuo.

Ciò che il dribblatore deve sapere e deve cercare di applicare nell’esecuzione di un dribbling può essere riassunto in questi punti:

– conoscenza del lato debole dell’avversario
– aumentare la velocità senza perdere il controllo della palla
– sbilanciare l’avversario con delle finte
– non farsi portare verso zone esterne lontano dalla porta

Possiamo ora distinguere due principali modalità di attuazione del dribbling:

  • dribbling di forza, con cambio di direzione e di velocità (la finta può anche non essere effettuata). Nel dribbling di forza al calciatore è richiesto il cosiddetto cambio passo da attuare nei confronti di un avversario più lento o nei confronti di un giocatore che si trova in posizione sfavorevole.
  • dribbling di abilità, con finta e dribbling attraverso un movimento di inganno e un movimento intenzionale. Nel dribbling di abilità al calciatore è richiesta destrezza e sensibilità nel contatto palla. Attraverso queste due qualità si cerca di sbilanciare l’avversario con un movimento di inganno per poi inserire il movimento intenzionale (il dribbling vero e proprio).

Figura 1- Douglas Costa fa del dribbling il suo punto di forza

FINTA

Generalmente l’azione di dribbling è associata ad una finta, ovvero un movimento d’inganno che ha lo scopo di nascondere le intenzioni del giocatore in possesso palla, sbilanciando il marcatore/difensore e costringendolo a muoversi in una certa direzione, per poi batterlo, andando con un movimento intenzionale, nella direzione voluta.

Definiamo la finta come quella abilità tattica individuale che si esegue con e senza palla e non prevede il superamento, con palla, dell’avversario: è proprio questa definizione che esprime la differenza tra la finta e il dribbling. Essa è un tentativo intenzionale di trarre in inganno il proprio avversario attraverso movimenti del tronco, delle gambe, del cenno della mano, di uno sguardo, al fine di acquisire un vantaggio temporale nel duello con l’avversario. La finta è da considerarsi perciò come parte integrante del dribbling: un mezzo che di sua natura è distaccato dall’azione di dribbling, ma che se collegato ad esso, può essere un’utile arma per superare l’avversario.

Doppio Passo, Elastico, Rouleta, Aurelio… Le finte nel calcio sono davvero tantissime, tanto che viene estremamente difficile elencarle tutte. Nel corso della storia del calcio, queste finte hanno assunto le forme più varie ed hanno ricevuto dei veri e propri nomi di battesimo, alcuni derivanti dal tipo di finta, alcuni derivanti da come viene gestito il pallone, alcuni dal nome del proprio esecutore abituale.

Ciò che però si può fare è classificare le finte in alcuni sottogruppi in relazione alle caratteristiche che esse possiedono. Possiamo dunque considerare varie tipologie di finte:

  • finte attive: indurre nell’avversario anticipazioni errate e quindi una reazione che gli impedisca di far fronte alla successiva e reale azione offensiva dell’attaccante (attaccante in ruolo attivo)
  • finte passive: nascondere le proprie intenzioni con pause intenzionali del movimento lasciando l’avversario nell’indecisione sul come sarà il seguito dell’azione (l’attaccante lascia il ruolo attivo al difensore per poi reagire successivamente)
  • finte in attacco: finte atte a far credere all’avversario che abbia inizio un’azione pericolosa ben precisa
  • finte in difesa: finte per far pensare ad errori potenzialmente sfruttabili dall’avversario
  • finte che modificano il tempo: dribbling, cambi di direzione
  • finte che modificano lo spazio: cambi di ritmo, cambi di velocità.

 

Figura 2 – Cristiano Ronaldo mentre esegue un “Doppio Passo”

L’IMPORTANZA DELLE CAPACITA’ COORDINATIVE E CONDIZIONALI

In questo ambito, assumono un ruolo di primaria importanza le Capacità coordinative, che possono intervenire durante l’esecuzione della finta o del dribbling. Come si può facilmente immaginare, le capacità coordinative utilizzate sono molteplici:

– Capacità di Differenziazione, la capacità di saper differenziare gli stimoli quando avvengono dei cambiamenti
– Capacità di Reazione, la capacità di rispondere agli stimoli con l’azione motoria più rapida e meglio adeguata alle circostanze
– Capacità di Equilibrio, la capacità di mantenere il corpo in una data posizione
– Capacità di Combinazione o Accoppiamento, la capacità che permette di collegare tra loro delle abilità motorie già acquisite
– Capacità di Adattamento e Trasformazione, la capacità di cambiare un’azione prefissata per eseguirne un’altra in conseguenza allo sviluppo del gioco

Oltre che alle Capacità Coordinative sono di massima importanza anche le Capacità Condizionali come Forza e Velocità. Senza queste caratteristiche anche un dribbling o una finta eseguiti in maniera perfetta perdono della loro efficacia.

 

CONCLUSIONI

Per impostare esercitazioni che prevedano il miglioramento del dribbling e delle varie finte, risulta quindi necessario tener conto di ciò che è appena stato affermato riguardo alle capacità coordinative e condizionali. Lavorando su di esse in modo specifico, si può portare il giocatore ad avere un maggior controllo del proprio corpo, che potrà poi sfruttare nell’esecuzione più rapida e precisa dei vari gesti come la finta ed il dribbling.

La progressione di apprendimento dei suddetti gesti, per risultare più efficacie, deve andare dall’analitico (cura del gesto specifico) al situazionale (utilizzo del gesto in un azione di gioco). Si può agire ad esempio proponendo ai più piccoli dei giochi ed delle esercitazioni senza palla, che si concentrino soltanto sull’esecuzione di finte di corpo per superare l’avversario, fino ad arrivare con le categorie superiori all’esecuzione di veri e propri 1vs1 con obiettivi ed in diverse zone di campo.

Infine è molto importante essere a conoscenza del fatto che finta e dribbling sono azioni di gioco che prevedono grande istinto e creatività. Sarà quindi compito di noi allenatori quello di non limitare la fantasia e la spontaneità di ogni bambino, perché in fondo sono proprio questi aspetti che rendono meraviglioso questo sport.

 

Roberto Martinelli

Iniziano i tornei

Siamo entrati nel mese di maggio e, come ogni anno, mentre finiscono i campionati iniziano i primi tornei.

In tutta la provincia di Brescia, e non solo, si vedono i campi affollati di squadre di calcio, dai più grandi ai più piccini con nuvole di parenti al seguito.

Come spesso accade, le stesse squadre, gli stessi giocatori, gli stessi genitori, si incontrano in tornei diversi che si svolgono in differenti località per contendersi l’ambito trofeo.

N.P.G. ha aderito a parecchie richieste di partecipazione a vari tornei e con le proprie categorie si cimenterà in nuove sfide, che esulano dal campionato.
Infatti, un torneo è completamente diverso, sia nelle dinamiche sia nelle modalità di svolgimento rispetto ad un campionato. Il campionato è lungo, dura dei mesi, magari c’è un’andata e anche un ritorno e il risultato finale lo si vede alla fine di un percorso. Il toneo invece no, quello non dura mesi, ma solamente pochi incontri e il fine ultimo, oltre naturalmente a far vivere un’esperienza al giocatore, è quello di qualificarsi e accedere alla tanto aspirata finale o arrivarci vicino.  Continue reading

Il tiro in porta

Il Calcio è lo sport più bello del mondo, in grado di coinvolgere miliardi di persone, di diverse culture, nel mondo, generando in esse forti e profonde emozioni. Ci sono tante cose che in una partita riescono ad emozionare, sia chi lo sta praticando sia gli spettatori, che siano sugli spalti o dietro una televisione, ma il momento che sicuramente trasporta di più è quando la tua squadra del cuore segna un goal! E dietro al goal c’è proprio uno dei 7 gesti tecnici fondamentali: il tiro in porta (calciare). Continue reading

I nostri appuntamenti di fine settimana

Siamo giunti alla fine di aprile e questo week-end non vedrà impegnati i nostri Primi Calci 2009/10 in quanto hanno terminato il loro campionato.
Rimaniamo dunque in attesa di rivederli all’opera in qualche torneo provinciale facendoci ulteriormente vedere gli enormi progressi fatti dall’inizio dell’anno. Progressi che abbiamo visto in tutte le squadre della nostra Attività di Base. Ma questo argomento lo affronteremo categoria per categoria alla conclusione di tutti i campionati.
Qui di seguito troviamo l’elenco completo delle gare che ci attendono in questo week:

ESORDIENTI 2005: N.P.G. – CAZZAGOBORNATO, sabato 28/04/2018 ore15.00 

ESORDIENTI 2006: CASTELMELLA – N.P.G., sabato 28/04/2018 ore 15.00

PULCINI 2007: CHIARI – N.P.G., sabato 28/04/2018 ore 15.30

PULCINI 2008: PADERNESE – N.P.G. 28/04/2018 ore 15.00                                                      

PRIMI CALCI 2009/10: CAMPIONATO TERMINATO

E allora come sempre vi aspettiamo per tifare i nostri piccoli atleti .

FORZA N.P.G.!!!

Gli incontri del week-end

Foto di fine gara dei nostri Pulcini 2008 in trasferta la settimana scorsa contro il Montorfano

Sabato 21 aprile affronteremo un altro turno di campionato.
Non vedremo all’opera i nostri Pulcini 2008 in quanto hanno anticipato mercoledì 18 aprile la propria gara contro il Capriolo. E non solo! Il giorno prima, martedì, hanno anche recuperato la gara contro La Sportiva, partita di recupero a causa dei campionati sospesi per la neve. E’ stata una settimana impegnativa per i nostri piccoli atleti che in entrambi gli incontri hanno dato il massimo facendosi apprezzare sia nel gioco sia nel comportamento. Quindi, questo sabato, buon riposo!
Eccovi l’elenco completo delle gare che ci attendono questo week:

ESORDIENTI 2005: OSPITALETTO – N.P.G., sabato 21/04/2018 ore16.00 

ESORDIENTI 2006: N.P.G. – PONCARALE, sabato 21/04/2018 ore 17.00

PULCINI 2007: N.P.G. – CASTEGNATO, sabato 21/04/2018 ore 15.00

PULCINI 2008: N.P.G. – CAPRIOLO, anticipata mercoledi’ 18/04/2018                                                         

PRIMI CALCI 2009/10:  FORNACI – GUSSAGO – SAN BARTOLOMEO – N.P.G.,  sabato 21/04/2018 ore 16.30

Un altro week-end ci aspetta a tifare i nostri beniamini e come sempre

FORZA N.P.G.!!!

Tattica individuale – Lo smarcamento

Quando si guarda un gol in TV e si analizza l’azione che ha portato alla rete, è facile e quasi automatico notare ed elogiare il giocatore che ha fornito l’assist al compagno con un perfetto passaggio o un lungo cross. Quello che a volte passa in secondo piano e che non sempre balza immediatamente all’occhio, è come abbia fatto il giocatore che ha ricevuto palla a trovarsi in mezzo all’area, senza la marcatura dell’avversario, pronto per colpire il pallone ed insaccarlo in porta. Spesso tutto ciò è conseguenza di un’importante serie di movimenti senza palla, che hanno portato il difensore (o più in generale il “marcatore”) a non trovarsi nella posizione migliore per poter evitare il gol: questa serie di movimenti fanno parte di un’azione di gioco chiamata smarcamento.

Figura 1- Higuain chiama palla alle spalle degli avversari. Il compagno lo serve in profondità premiando il suo movimento di smarcamento.

Lo smarcamento è infatti l’azione che consente al calciatore di eludere la sorveglianza dell’avversario per poter ricevere la palla offrendo una soluzione di gioco al compagno o per creare spazio per l’inserimento di un altro compagno. Continue reading

N.P.G. – Gli incontri di sabato 14 aprile

Eccoci nuovamente al nostro incontro settimanale che vi preannuncia le gare di questo week-end.
Questa settimana vedremo impegnati in incontri casalinghi solamente la categoria dei nostri Esordienti.
In trasferta sia i Pulcini sia i Primi calci. 
Eccovi l’elenco completo delle gare che i nostri piccoli atleti affronteranno:

ESORDIENTI 2005:         N.P.G. – ADRENSE                              sabato 14/04/2018 ore15.00 

ESORDIENTI 2006:         N.P.G. – MONTORFANO                    sabato 14/04/2018 ore 17.00

PULCINI 2007:                PASSIRANO – N.P.G.                           sabato 14/04/2018 ore 15.30

PULCINI 2008:                MONTORFANO – N.P.G.                     sabato 14/04/2018 ore 16.15

PRIMI CALCI 2009/10:  
LODRINO – SAN BARTOLOMEO – N.P.G.                                           sabato 14/04/2018 ore 15.00

 

E come sempre… FORZA N.P.G.!!!

La tattica individuale

L’Honved degli anni ’50, l’Ajax e il calcio totale di Rinus Michels e Cruijff, la difesa a zona del rivoluzionario Milan di Arrigo Sacchi, il tiqui-taka di Guardiola e il gegenpressing di Jurgen Klopp e del suo Dortmund dei miracoli: squadre e filosofie che hanno segnato, calcisticamente parlando, la seconda metà del Novecento.

Molti allenatori hanno cercato di copiarli, altri di declinarli a loro modo e con il materiale a loro disposizione. Solo una cosa rimaneva immutata, un fondamentale tanto concreto quanto astratto, il fondamentale che assieme al concetto di chiave di spazio-tempo regola le leggi non scritte del gioco del pallone: la tattica individuale. Continue reading

Le gare di questo week-end

Dopo le festività Pasquali, che hanno visto i settori giovanili riposare nei rispettivi campionati, eccoci nuovamente alla ripresa delle gare.
Questa settimana i nostri Esordienti 2006 hanno giocato in anticipo il proprio turno di campionato affrontando in trasferta il Travagliato. I nostri ragazzi, come nelle ultime gare, si sono impegnati a fondo esprimendo ottime trame di gioco. Bravi!
Questo sabato, vedremo i nostri Piccoli Amici destreggiarsi in casa in un quadrangolare.
Qui di seguito troverete l’elenco completo dei nostri piccoli atleti:

ESORDIENTI 2005:         PROVAGLIESE – N.P.G.                       sabato 07/04/2018 ore17.30 

ESORDIENTI 2006:         TRAVAGLIATO – N.P.G.                       svolta mercoledì 04/04/2018

PULCINI 2007:                LA SPORTIVA – N.P.G.                         sabato 07/04/2018 ore 14.30

PULCINI 2008:                N.P.G. – CORTEFRANCA B                  sabato 07/04/2018 ore 17.00

PRIMI CALCI 2009/10:  
N.P.G. – LODRINO – GUSSAGO – SAN ZENO                                    sabato 07/04/2018 ore 14.45

 

Vi aspettiamo numerosi per incitare i nostri piccoli ma grandi campioni e per tifare
                                                               
                                                                      FORZA N.P.G.!!!