Aspetto sociale

logo intero con scrittaL’aspetto socializzante dello sport. La relazione


Riteniamo che, per i ragazzi, la quotidianità del ritrovarsi e socializzare all’interno di un gruppo, sia un fattore determinante per la loro crescita caratteriale. Saper coinvolgere e valorizzare tutto il gruppo è una competenza che un allenatore non può non possedere. La socializzazione può apparire estremamente semplice agli occhi di un adulto, ma per un bambino è molto più impegnativa. Entrare nelle dinamiche di un gruppo, creare quella relazione con l’amico, condividere gli stessi obiettivi, lavorare a fianco l’uno all’altro, per un ragazzo in età evolutiva può essere qualcosa di non immediato. 

Uno sport di squadra

Il calcio, come tutti gli sport di squadra, permette di socializzare in maniera Relazione tra Gruppo bambini che alzano le bracciamolto più semplice, più diretta, coinvolgendo più persone contemporaneamente.  
Lo sport del calcio aiuta a migliorare le relazioni del giovane atleta attraverso la condivisione e la collaborazione degli obiettivi.  Questi momenti di convivenza spingono il bambino a vincere la propria timidezza per parlare con un compagno, tralasciando l’IO per il NOI attraverso giochi con obiettivi comuni. Passare la palla, sperare che il tuo compagno segni un gol così che la squadra vinca, essere tristi per un gol subito perché perdiamo tutti, esultare insieme abbracciandosi per una vittoria ottenuta.

Il gruppo aiuta ad accrescere la confidenza in se stessi, l’autostima, la personalità. I ragazzi trovano spunti di crescita nel continuo confronto con gli amici. La condivisione di un gesto o di una parola, di un urlo di felicità, di un abbraccio collettivo dopo un gol, a volte, valgono di più di mille lezioni teoriche. Lavorare insieme rende più partecipi al raggiungimento dello stesso scopo.

Lo sport di squadra migliora la relazione

Lo sport di squadra crea delle situazioni di confronto, di dibattito, che quotidianamente fanno mettere in discussione il bambino che si relaziona con i propri coetanei.due bambini creano relazione
Le esercitazioni che si svolgono sul campo portano il bambino a giocare a volte insieme all’amico a volte contro. In questi giochi si modella il proprio approccio, forgiando il carattere,  volendo lottare per conquistare insieme ai compagni un qualcosa di più grande. 

Sono proprio questi momenti di confronto che spingono il bambino a esultare e abbracciarsi con i compagni. Lo portano a essere deluso e a condividere la delusione con gli altri per un gioco perso, a complimentarsi con un compagno per essere andato velocissimo e aver guadagnato dei punti per la propria squadra, a parlare con l’amichetto per ciò che è successo.